Treedom - 7° Censimento Generale Agricoltura
Aiutaci a far nascere la prima Foresta Social dell'Istat
Treedom

In occasione del 7° Censimento generale dell’Agricoltura l’Istat sposa uno dei progetti di forestazione di Treedom, la prima piattaforma web che crea e sostiene progetti agroforestali a beneficio di cooperative locali. Ogni 10.000 questionari compilati "nascerà" un nuovo albero nell’area protetta del Parco delle Chiese Rupestri del Materano (MT). Compilando il questionario del Censimento, contribuisci anche tu a realizzare la prima foresta social dell'Istat.

QUESTIONARI COMPILATI al ALBERI PIANTATI al
QUESTIONARI COMPILATI al
ALBERI PIANTATI al
QUANTO MANCA
PER PIANTARE UN NUOVO ALBERO?
0
10.000 QUESTIONARI COMPILATI

CON LA PIANTUMAZIONE DI 170 ALBERI ASSORBIREMO  34.000 KG  DI CO2 DALL’ATMOSFERA

dei questionari completati

Totale degli alberi piantati

L’AGRICOLTURA CONTA SU DI TE,
FAI CONTARE L’AGRICOLTURA.

Guarda il video e scopri la nostra iniziativa.

ISTAT PER L'AMBIENTE

Istat sostiene un importante progetto agroforestale in Basilicata con l’obiettivo di apportare molteplici benefici ambientali nell’area di intervento.

Perché una nuova foresta?

Chi pianta un albero pianta una speranza, disse più di un secolo fa la poetessa e autrice americana Lucy Larcom. Oggi l’Istat vuole trasformare quel seme di speranza in un germoglio di opportunità per la conservazione dell’ambiente. Grazie alla collaborazione con Treedom – la piattaforma web che permette di piantare alberi a distanza – realizzeremo un importante progetto agroforestale sul territorio italiano.

Dare vita a una nuova foresta significa garantire notevoli benefici ambientali: gli alberi assorbono grandi quantità di CO2 e aiutano a proteggere l’ecosistema dei territori, anche quelli più fragili.

Con il 7° Censimento generale dell’Agricoltura, ogni 10.000 questionari compilati verrà piantato un albero per far nascere la prima Foresta social dell’Istat. Gli alberi verranno piantati nel rispetto della specie, della zona di piantumazione e del ciclo naturale delle stagioni; tutte le fasi dell’operazione saranno documentate mostrando l’avvio e lo sviluppo del progetto.

Benefici ambientali

Assorbimento CO2


Tutela della biodiversità


Contrasto erosione del suolo e desertificazione


Riforestazione

Benefici sociali ed economici

Finanziamento diretto contadini locali


Scelta alberi da piantare fatta dai contadini


Copertura costi fino a fase produttiva dell’albero


Formazione, opportunità di reddito, empowerment

PROGETTI AGROFORESTALI - BASILICATA

“La Lucania apre le sue lande,
le sue valli dove i fiumi scorrono lenti
come fiumi di polvere.”

Leonardo Sinisgalli

Basilicata

La Basilicata è la seconda regione italiana per superficie protetta: uno scrigno di biodiversità incastonato tra due mari e definito dal profilo dei monti dell’Appennino Lucano. Un territorio aspro e al tempo stesso rigoglioso composto da due parchi nazionali – il Pollino e Val d’Agri –, due parchi regionali e sei riserve naturali.

Tra le aree protette spicca per importanza quello delle Chiese rupestri del Materano, chiamato anche Parco della Murgia Materana. Il Parco nasce nel 1990 e comprende proprio quelle chiese rupestri che l’UNESCO ha incluso nei patrimoni dell’Umanità, ampliando la definizione “Sassi di Matera” in “I Sassi ed il Parco delle Chiese rupestri di Matera”.

Ed è proprio qui che Treedom nel 2009 – con il sostegno dell’Ente Parco – ha scelto di avviare uno dei suoi progetti di forestazione, per aumentare e conservare la biodiversità di un luogo di eccezionale importanza naturalistica.

Area di progetto:

Parco delle Chiese rupestri del Materano


Partner di progetto:

Ente Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano


Massimo di alberi del progetto:

2000


Minimo di alberi del progetto:

1000

Colonne, altari e gradini scavati nella roccia calcarea disegnano il perimetro di questa grande area protetta: le 150 chiese rupestri che danno il nome al parco sono la straordinaria testimonianza delle numerose comunità monastiche che hanno abitato l’intera zona fin dall’alto Medioevo.

Al valore storico del sito si somma quello ambientale grazie alla presenza di specie vegetali tipiche e rare. Qui troviamo il Fragno (Quercus Trojana), un albero della famiglia delle querce presente in Italia solo in Basilicata e in Puglia. Il piano forestale che l’Istat sostiene con il 7° Censimento generale dell’Agricoltura ha come obiettivo quello di riprodurre l’ecosistema locale con l’innesto di 170 alberi sui 2000 previsti del progetto dell’Ente Parco.

Più questionari online verranno compilati maggiore sarà lo sviluppo della Foresta social dell’Istat: un’operazione “100% green” che permetterà di ampliare anche l’habitat naturalistico del Parco a beneficio di alcuni dei rapaci più rari del continente. Il Capovaccaio, il Falco pellegrino e il Lanario nidificano infatti periodicamente tra gli alberi di questa area incontaminata, rendendola un’oasi felice in perfetto equilibrio tra storia e natura.

Scopri la storia di ogni albero che verrà piantato attraverso il diario del progetto.

QUALI SONO LE PRINCIPALI NOVITÀ?

Tre diverse modalità
di compilazione del questionario
Un questionario unicamente
in formato digitale
Una rete di rilevazione costituita, per la prima volta,
dai Centri di assistenza agricola - CAA
Logo Istat

Visita il sito Istat per consultare la normativa e scaricare la modulistica relativa
al 7° Censimento generale dell'Agricoltura

istat.it
Treedom

Grazie al progetto realizzato in collaborazione con Treedom, per ogni 10.000 questionari compilati sarà piantato un nuovo albero dando vita alla prima Foresta Social dell'Istat. Aiutaci a farla crescere: le tue risposte sono linfa per l'ambiente.

Treedom Treedom
Treedom